O come mai questo blog??

Dal 2011 mi sono dato all'escursionismo, un modo alla fin fine più semplice e diretto per stare a contatto con la natura. Del resto, come potete vedere qui a fianco, già da piccolo ero un in-tenditore in materia..eheh. Certo, c'è (o c'era, visto che ormai da più di un anno non la pratico più..) anche la pesca, come per qualcun altro può esserci la caccia, o la raccolta funghi ecc., ma quasi tutte in comune hanno secondo me un grosso limite: il fatto di considerare la natura come un "veicolo" per il raggiungimento di un certo grado di soddisfazione, e non essa stessa il fine. In un certo senso, è come se debba esserci sempre un profitto finale. Le escursioni invece non sono nient'altro che il sano desiderio di passare un po' di tempo immersi nella nostra natura, osservarla, e basta.

sabato 5 marzo 2011

Il Piusti



Il Piusti, alias Beppe Savoldi, è il mio più grande compagno di avventure nelle escursioni, nonchè l'unico. Capirete che ha un bel peso da sopportare, oltre al suo.
Ci conosciamo da una vita, e, come spesso accade, le rispettive vicissitudini ci hanno allontanato per poi farci riavvicinare a causa, o per merito, delle paternità quasi combacianti (a livello temporale, non di partner, che avete capito...). 
Il Piusti con la fedele Liqui a Gerfalco

Quasi per caso lo scorso anno cominciammo a ragionare di qualche gironzolata per le nostre zone, e quando gli dissi che un giorno avrei voluto fare da Prata alle Cornate in un sol giorno, si unì subito entusiasta.
Purtroppo per lui, non aveva ancora capito che da quel momento in poi l'avrei tartassato continuamente con le escurZioni, coinvolgendolo tra l'altro in quella che abbiamo affrontato fra Maggio e Giugno del 2011, La SPratata, da Prata all'Amiata in sei giorni.
Tenace, non soffre mai il mal di piedi dopo lunghe camminate, e non rischia mai di ammalarsi in vista di un bel fine settimana.

Autoscatto sul letto in secca del fiume Pavone dopo un bel caffè
Dotato di spiccato senso dell'umorismo, di quello spiazzante che non ti aspetti, spesso ti prende per il culo anche a sua insaputa.
Ai tempi dei tempi, alcuni suoi tormentoni furono devastanti per la giovane comunità pratigiana
" Tain, Tain, Bogotain... " (che spettacolo ripensarci..)
SEGNI PARTICOLARI = Milanista. [a voi la scelta se sia bene o male]

A proposito, ma poi quella uscita fino alle Cornate come andò? Bene, benone, guardate il video qui sotto, ed erano solo le 9 di mattina sul Poggione...  --> leggi come è andata

1 commento:

  1. Segni particolari Milanista...mi sembra una grande qualità!

    RispondiElimina